By Cheryl Strayed

Dopo l. a. morte prematura della madre, il traumatico naufragio del suo matrimonio, una giovinezza disordinata e difficile, Cheryl a soli ventisei anni si ritrova con los angeles vita sconvolta. Alla ricerca di sé oltre che di un senso, come to a decision di attraversare a piedi l'America selvaggia tra montagne, foreste, animali selvatici, rocce impervie, torrenti impetuosi, caldo torrido e freddo estremo. Una storia di avventura e formazione, di fuga e rinascita, di paura e coraggio. Una scrittura intensa come l. a. vicenda che racconta, da cui emergono con forza il fascino degli spazi incontaminati e los angeles fragilità della condizione umana di fronte a una natura grandiosa e potente.

Show description

Read or Download Wild: Una storia selvaggia di avventura e rinascita PDF

Similar Adventure books

A Survival Guide for Life: How to Achieve Your Goals, Thrive in Adversity, and Grow in Character

The world-famous adventurer finds a life of knowledge and classes realized from the planet's wildest placesLife within the open air teaches us worthwhile classes. Encountering the wild forces us to plot and execute ambitions, face chance, push our "limits," and sharpen our instincts. yet our most crucial adventures do not constantly occur in nature's extremes.

The Emperor of Nihon-Ja: Book Ten (Ranger's Apprentice)

The foreign bestselling sequence with over five million copies offered within the U. S. by myself! while Horace travels to the unique land of Nihon- Ja, it's not lengthy prior to he unearths himself pulled right into a conflict that's not his - yet one he is familiar with in his middle he needs to salary. A state teeters at the fringe of chaos while the Nihon-Ja emperor, a defender of the typical guy, is forcibly overthrown, and merely Horace, Will, and his Araluen partners can restoration the emperor to the throne.

With the Lapps in the High Mountains: A Woman among the Sami, 1907–1908

With the Lapps within the excessive Mountains is an entrancing real account, a vintage of go back and forth literature, and a piece that merits wider attractiveness as an early contribution to ethnographic writing. released in 1913 and to be had the following in its first English translation, it's the narrative of Emilie Demant Hatt's nine-month remain within the tent of a Sami kin in northern Sweden in 1907–8 and her participation in a dramatic reindeer migration over snow-packed mountains to Norway with one other Sami neighborhood in 1908.

One Thousand White Women: The Journals of May Dodd

A thousand White ladies is the tale of may well Dodd and a colourful meeting of pioneer girls who, less than the auspices of the U. S. govt, commute to the western prairies in 1875 to intermarry one of the Cheyenne Indians. The covert and debatable "Brides for Indians" software, introduced through the management of Ulysses S.

Additional resources for Wild: Una storia selvaggia di avventura e rinascita

Show sample text content

Ma non l’avrei fatto, a nessun costo. Camminai tutto il giorno, cadendo e scivolando e arrancando, puntellandomi con tanta forza sul bastoncino da sci da provocarmi delle vesciche alla mano. Cambiai mano e si formarono vesciche anche su quella. Percorrendo ogni svolta, scavalcando l’ennesimo crinale e attraversando ogni radura continuavo a sperare che non ci sarebbe più stata los angeles neve. Invece ce n’era sempre tra le infrequent chiazze dove period visibile il suolo. “Questo è il PCT? ” mi chiedevo alla vista del terreno. Non potevo esserne mai certa. Solo il pace l’avrebbe detto. Camminando sudavo, los angeles schiena fradicia sotto lo zaino, indipendentemente dalla temperatura o da quello che indossavo. Quando mi fermavo, nel giro di pochi minuti iniziavo a rabbrividire, gli abiti umidi improvvisamente gelati. Alla effective i muscoli avevano cominciato advert abituarsi alle sollecitazioni del hiking, ma adesso c’erano nuove sollecitazioni, non solo il continuo sforzo di stare dritta. Se il terreno si inclinava, ero costretta a fare delle tacche nella neve in step with mantenere l’equilibrio, altrimenti sarei scivolata lungo il fianco della montagna finendo contro i massi, i cespugli e gli alberi sottostanti, o peggio ancora volando giù dal precipizio. Con metodo, battevo il piede nella neve gelata, creandomi dei gradini un passo dopo l’altro. Mi ricordai di quando Greg mi aveva insegnato come fare usando los angeles piccozza a Kennedy Meadows. Adesso bramavo quella piccozza, immaginandomela abbandonata come un oggetto inutile nel contenitore a disposizione degli escursionisti del PCT di Sierra urban. Con tutto quel battere i piedi e puntellarmi, si formarono vesciche in punti nuovi, oltre che in quelli dove si erano già formate nei primi giorni del hiking, los angeles pelle delle anche e delle spalle di nuovo escoriata a causa delle cinghie di Mostro. Camminavo, una penitente del sentiero, l’avanzata penosamente lenta. l. a. maggior parte dei giorni avevo fatto più di tre chilometri all’ora, ma camminare nella neve period completamente diverso: ero più lenta, esitante. Pensavo che mi ci sarebbero voluti sei giorni consistent with arrivare a Belden city, ma quando avevo messo nello zaino cibo in keeping with sei giorni, non avevo inspiration di quello che avrei incontrato. Sei giorni in quelle condizioni erano fuori discussione, e non solo in keeping with los angeles sfida fisica di muoversi sulla neve. Ogni passo period anche uno sforzo calcolato in line with rimanere approssimativamente su quello che speravo fosse il tracciato del PCT. Con in mano los angeles bussola e l. a. mappa, cercavo di ricordare tutto quello che potevo di Staying stumbled on, che avevo bruciato pace prima. Molte delle tecniche – triangolazione, determinazione dell’azimut e orientamento della carta – mi avevano lasciata perplessa già quando avevo il libro tra le mani. Adesso period impossibile usarle con un minimo di sicurezza. Non avevo mai avuto talento in line with los angeles matematica. Semplicemente non riuscivo a tenere a mente formule e numeri. period un tipo di logica che aveva poco senso in keeping with me. Nella mia percezione il mondo non period un grafico, né una formulation o un’equazione.

Rated 4.20 of 5 – based on 30 votes